lunedì 2 dicembre 2013

Intorno alla fontana - vicino Catania

Intorno alla fontana - vicino Catania

sabato 2 novembre 2013

martedì 22 ottobre 2013

costume dei contadini napoletani nel settecento

costume dei contadini napoletani nel settecento

mercoledì 2 ottobre 2013

lunedì 2 settembre 2013

giovedì 22 agosto 2013

venerdì 2 agosto 2013

accampamenti per braccianti vicino alla via Tiburtina

accampamenti per braccianti vicino alla via Tiburtina

lunedì 22 luglio 2013

due ragazze romene in abiti tradizionali - inzio del 900

due ragazze romene in abiti tradizionali - inzio del 900

domenica 7 luglio 2013

Le folk-Lore de la France. La mer et les eaux douces

Le folk-Lore de la France. La mer et les eaux douces / par Paul Sébillot,... -E. Guilmoto (Paris)-1904-1907

sabato 22 giugno 2013

mercoledì 5 giugno 2013

mercoledì 22 maggio 2013

domenica 12 maggio 2013

La fête des vaches en Autriche : la gagnante

La fête des vaches en Autriche : la gagnante : [photographie de presse] / Dietrich La festa delle mucche in Austria: la vincitrice

Osteria nella campagna romana

Osteria nella campagna romana

sabato 11 maggio 2013

Alla scoperta delle tradizioni perdute

 articolo completo:
Il Giornale di Vicenza.it - Home - Provincia:
Alla scoperta delle tradizioni perdute
DUEVILLE. “Artisti in piazza” e “Arti per via” con i mestieri di un tempo nel fine settimana organizzato da Eticamente
Domani il centro sarà invaso da 55 figuranti nei panni di artigiani e venditori del secolo scorso

martedì 7 maggio 2013

Quando la necessità si trasforma in arte: La lavorazione del legno e i costumi in Val Gardena

Quando la necessità si trasforma in arte: La lavorazione del legno e i costumi in Val Gardena: Le bambole tradizionali, gli antichi e ricchi costumi, le sculture e, per chi vuole provare, i corsi per la lavorazione del legno.

Val Gardena, 07 maggio 2013 - Il motivo per cui la Val Gardena è rinomata anche per la scultura del legnoderiva dalla rigidità del clima alpino cui il territorio è soggetto nei mesi invernali. Gli abitanti, infatti, non potendo contare sulle coltivazioni come fonte di guadagno, pensarono di sfruttare comunque ciò che la natura metteva a loro disposizione: i fitti boschidi conifere, e in particolare di cembro che colorano i pendii delle montagne.

sabato 4 maggio 2013

Volterra - interno di bottega di scultori di Alabastro

Volterra - interno di bottega di scultori di Alabastro

giovedì 2 maggio 2013

cerimonia religiosa nella campagna romana

cerimonia religiosa nella campagna romana

lunedì 29 aprile 2013

Le folk-Lore de la France. La faune et la flore

Le folk-Lore de la France. La faune et la flore / par Paul Sébillot,... -E. Guilmoto (Paris)-1904-1907 Table of contents: § 9. La Sorcellerie. - Les sabbats de chats. - Les chats noirs. - Magie et talismans, - Fascination et sorcelages. .- La force prise aux animaux. - Les chiens charmés § 10. Maladies et médecine. - Chair dangereuse. - Emploi médical de parties solides ou liquides. - Les guérisseurs et les bêtes

venerdì 22 marzo 2013

venerdì 1 marzo 2013

domenica 24 febbraio 2013

Il ragno che danza. Il mito di Aracne nel tarantismo pugliese

Il ragno che danza. Il mito di Aracne nel tarantismo pugliese

Il ragno che danza. Il mito di Aracne nel tarantismo pugliese

Annarita Zazzaroni

Abstract


Una particolare forma di permanenza del mito di Aracne si può trovare nel fenomeno pugliese del tarantismo, un rituale coreutico-musicale preposto alla guarigione dagli effetti del morso di un ragno mitico, la taranta. Nella danza della tarantata si ritrovano infatti gli elementi caratteristici della la trasformazione della donna in ragno, la sfida nei confronti del divino e il valore superiore e quasi soprannaturale dell’arte. Il tarantismo inoltre si rivela l’incarnazione di un mito del Femminile per il Femminile, essendo manifestazione di una forma di eros precluso e sfogo dai condizionamenti di una società rigidamente patriarcale. Farà da guida in questo viaggio nel tarantismo il primo filmato sul fenomeno, La Taranta di Gianfranco Mingozzi, realizzato nel 1961, con il commento del poeta Salvatore Quasimodo. Tra influssi del culto della Magna Mater, elementi duali di valenza dionisiaca e il valore costante del simbolismo del filo, il mito metamorfico della donna-ragno giunge alla rappresentazione della donna come femme fatale, che cuce vita e morte in un intreccio continuo (cfr. anche i casi di Tolkien e Strauss).

domenica 10 febbraio 2013

venerdì 1 febbraio 2013

giovedì 31 gennaio 2013

giovedì 24 gennaio 2013

domenica 20 gennaio 2013